Intervista a Pietro Branchi – Fotografo Professionista

ridotto

Chi ama davvero la fotografia imprime qualcosa in più in ogni scatto. Conosciamo meglio un artista di professione, il suo nome è Pietro Branchi

Pietro Branchi

– Ph Pietro Branchi. La ringraziamo per aver accettato questa intervista. Ci parli un pò di lei e della sua “vita fotografica”…

Grazie a voi per l’opportunità che mi date. Classe 1967, da giovane ho girato un po’ l’Italia prima di fermarmi a Milano, dove lavoro. Ho una splendida famiglia che mi permette di seguire la mia passione, la fotografia. La prima reflex mi fu regalata quando ero al Liceo, tanti anni fa. Da allora sono cambiate molte cose, e non solo sotto il profilo tecnico, ma quello che però è per me rimasto immutato è il significato di fare fotografia: trasmettere emozioni, le stesse che io provo in quel momento. Si, perché per me è sempre un emozione riuscire a fermare in un click l’immagine che mi si presenta davanti in modo da “rubarne” il senso ed il significato per cercare di trasmetterli ad altri”.

DSC_7265

– Ci dica di più del genere fotografico nel quale si è specializzato. Come mai ha deciso di dedicarsi a questa precisa tipologia e quali sono le emozioni che essa le regala e che lei vuole regalare agli altri attraverso le sue realizzazioni?

Come spesso succede ho cominciato con i reportage dei viaggi di famiglia, poi mi sono via via sempre più specializzato nei ritratti e la fotografia “fashion” e “glamour”. Mi è sempre piaciuto lavorare con le persone, ed è sempre entusiasmante riuscire a ritrarle mettendo in luce il loro carattere ed il loro modo di essere. Scattare in esterna o il location particolari è sempre una bellissima avventura, ma nel tempo ho anche allestito un mio studio fotografico dove posso gestire molti dei miei progetti”.

DSC_1363

 – Attraverso la sua grande esperienza in questo campo, saprebbe indicare quali sono le maggiori problematiche riscontrate nel suo settore?

L’avvento del digitale ha complicato non poco il nostro settore. Da un lato ha permesso a tanti di avvicinarsi alla fotografia agevolando così un rapido sviluppo di tutto il settore, ma dall’altro ha creato molta confusione tra i fotografi seri e professionali e coloro che invece hanno obiettivi diversi che poco hanno a che fare con la fotografia”.

 – Se dovesse elargire ad un fotoamatore emergente tre consigli chiave per realizzare un ottimo set fotografico, cosa si sentirebbe di dire?

“Per iniziare, documentarsi bene sull’argomento o il genere che si vuole trattare. A seguire, trovare le persone giuste per realizzarlo. Se si è alle prime armi poter lavorare con dei professionisti è sempre il miglior modo per riuscire bene. Per concludere, ricordarsi sempre che quantità non è mai sinonimo di qualità”.

DSC_4175

– Preferisce lavorare con modelle professioniste o con ragazze esordienti che hanno voglia di esplorare questo particolare settore artistico?

Sono entrambe due splendide opportunità e scattare con un’esordiente non è meno impegnativo che con una professionista. Ci sono problematiche ovviamente diverse ma l’importante è trovare serietà. Una foto ben riuscita è sempre il risultato di un lavoro di squadra, dove ci deve essere ovviamente un leader, ma nessuna prima donna”.

DSC_2213

– Ognuno di noi ha un sogno nel cassetto, anche nel campo della fotografia. Ha ulteriori progetti per il futuro? C’è qualcosa di particolare che ha sempre sognato di realizzare per affermare a pieno le sue doti?

Beh, il mio sogno nel cassetto è quello di fare questo lavoro a tempo pieno. Si, di progetti ne ho diversi, tra sfilate, shoot vari e workshop …avrò un autunno/inverno molto intenso”. 

 

 

LASCIATE UN COMMENTO PER CONTATTARE PIETRO PER REALIZZARE UN SET FOTOGRAFICO

Ogni riproduzione non autorizzata dei contenuti del sito è vietata

Foto coperte da Copyright e diritti d’autore

_________________________________________________________________________

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*